Al museo con mio figlio

Operae infantili

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dall’11 al 13 ottobre si è svolto a Torino OPERAE, festival internazionale del design autoprodotto e indipendente, giunto quest’anno alla sua quarta edizione.

La location è stata senza dubbio di forte impatto: i cantieri delle Officine Grandi Riparazioni (OGR).

Due parole per presentarvi, a grandi linee, il luogo.

Le OGR sono tra le più interessanti testimonianze del passato industriale della città.

Edificate verso la fine dell’800, le Officine erano un complesso di circa 200.000 metri quadrati destinato alla manutenzione delle locomotive e dei vagoni. Sono state utilizzate fino agli anni settanta e definitivamente dismesse nei primi anni novanta.

L’edificio, di proprietà delle Ferrovie dello Stato, è stato concesso in comodato d’uso alla Città di Torino che l’ha trasformato in sede di eventi culturali e mostre temporanee: come OPERAE.

Alla kermesse hanno partecipato studi di design, makers, designer artigiani e digitali, i quali hanno proposto al pubblico i loro prodotti realizzati in serie limitata o in piccole serie.

Prodotti che spesso sono il frutto di una sapiente unione tra il prezioso know-how artigiano e le tecnologie più innovative, coniugati con la cura di ogni dettaglio e il controllo di ogni fase della filiera produttiva.

L’obiettivo del festival è favorire la conoscenza e l’incontro tra la creatività espressa dal settore e il mercato.

Da segnalare un particolare di non poco conto: una sezione dedicata ai più piccoli. Intendo proprio un’area ricreativa riservata ai bimbi. E anche molto bella, aggiungo.

Uno spazio allestito con arredi e oggetti a misura di bambino e un programma di laboratori dedicati ai piccoli, dai 3 agli 11 anni, per stimolare fantasia e creatività.

Lorenzo ed io ci siamo andati al mattino e la presenza di tanti bimbi che giocavano nella sezione mi fa pensare che l’iniziativa abbia riscosso un buon successo.

Mio figlio è piccolo per poter partecipare ai laboratori, ma si è divertito comunque a giocare con la splendida casetta in cartone e a provare tutti i cavallucci di diverse dimensioni.

L’allestimento dello spazio è stato realizzato in collaborazione con Yellobasket, negozio e shop on line di design per bambini.

Family Media Partner dell’iniziativa è Giovani Genitori, la rivista dedicata alle famiglie del Piemonte.

Uno spazio ben pensato e ben organizzato, come questo, diventa un’occasione per tutti: per gli organizzatori di OPERAE ( tre donne) che hanno ampliato il proprio pubblico, per le famiglie che hanno potuto fruire di un evento culturale interessante, per i partner coinvolti che hanno avuto l’occasione di promuoversi.

Bravi.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...